Artigianato Romagnolo


L'artigianato in Emilia Romagna è una realtà sempre viva che permette di tramandare tradizioni e capacità locali.

Le teglie di Montetiffi

La piadina romagnola è un tipo di pane soffice e sottile, inconfondibile al gusto.
Questo alimento da sempre viene cotto su un piatto di terracotta che probabilmente anche gli antichi romani conoscevano: la teglia per piadina, che le permette di mantenere il suo autentico gusto.
I segreti della creazione di una teglia sono stati tramandati per secoli di padre in figlio; famiglie intere si sono dedicate per diversi anni a questa attività, che ha avuto come centro di produzione il borgo in pietra di Montetiffi.
Agli inizi degli anni novanta quest’attività è stata interrotta per un breve periodo, ma poi fortunatamente, una simpatica coppia di Montetiffi ha  deciso di ricominciare a realizzare teglie, utilizzando le tecniche di lavorazione antiche e l'argilla della " terra di Romagna".
La teglia di Montetiffi è un oggetto unico e originale, che esalta il gusto della piadina e rappresenta inoltre l’unione con la storia e con la cultura enogastronomica della Romagna.

Tele stampate

Tra l'artigianato romagnolo più conosciuto ed ammirato ci sono sicuramente le bellissime tele stampate a mano, prodotte ancora oggi con tecniche di lavorazione ed attrezzi tradizionali.
Fra le stamperie romagnole più rinomate si distinguono l’ Antica stamperia Pascucci e la Stamperia Bertozzi di Gambettola oltre alla Stamperia Marchi di Santarcangelo.
Queste Botteghe artigiane continuano a conservare intatto il secolare fascino di questo antico mestiere, utilizzando i procedimenti tradizionali e garantendo un prodotto ottenuto nel rispetto di tali metodi, anche se la canapa, di difficile reperibilità nel nostro territorio, è stata sostituita dal lino, ugualmente naturale e resistente.
La tela viene stampata utilizzando matrici in legno di pero, abilmente intagliate a mano.
Lo stampo, impregnato di colore,viene appoggiato delicatamente sul tessuto e viene poi colpito fortemente con il mazzuolo. Questo procedimento si ripete fino a quando il colore non si è totalmente trasferito sulla tela. Si passa dunque al fissaggio del colore sulla tela per renderlo indelebile e sempre brillante.
I disegni ritraggono elementi naturali tipici della tradizione popolare romagnola. Il colore utilizzato per la stampa è soprattutto il color ruggine, ma anche il colore blu intenso è molto richiesto così come il verde e il rosso (ottenuti da impasti minerali).
Con le tele stampate vengono realizzati diversi articoli per la casa: tovaglie, copriletto, lenzuola, tendaggi e biancheria da cucina e per il bagno...
Ogni tovaglia, canovaccio, tovagliolo è un vero e proprio pezzo unico che nessuna produzione industriale, anche la più raffinata, è in grado di imitare.